pietates

Beato l'uomo

che è provato

da Dio;

il Signore

ferisce e risana.


www.pietates.altervista.org



FILASTROCCHE, POESIOLE E NINNE NANNE

Beati quelli

che sanno

che il nome

di ogni persona

è fratello.





RELIGIOSITA' E DEVOZIONI POPOLARI




per tornare a

HOME PAGE





TESTI CALABRESI

PATANOSTREDDHU LU PICCIRIDDU
(detta a San Giorgio Morgeto - Reggio Calabria)

Patanostreddu lu picciridu,
Cui lu sapi lu mbiativu
E lu sapi l'angelu santu
Notte e giornu va cantandu;
Va cantandu l'Ave Maria
Pe lu viale a pe la via.
Ci 'mbattiu Santu Libertu
Che tenia lu libru apertu
Tantu larghu e tantu strittu
Chi chapia Gesu Christu.
Gesu Christu ndi attuffau,
Di la manu ndi pighiau,
Vasciu a l'ortu ndi calau,
Tri funtani ndi mostrau:
Una di latti, una di miele,
Una di l'angelu Gabriele
Guardu iusu e viu chiusu,
Guardu susu e viu apertu
Viu a l'angelu supa lu letto
Che sonava la turrumbina.
La Madonna di la Catina:
La catina è silla d'oru, 
Pigghiami st'anima quandu moru;
La catina è silla d'argentu,
Pigghiami st'anima quandu non pensu.




(Questa filastrocca fu insegnata dalla nonna
Maria Teresa Tramonte Gentile al nipote, che oggi vive in Australia)
BOMMINIELLU
(filastrocca cosentina)
BOMMINIELLU
(filastrocca cosentina)
Bomminìellu, vatinni alla scoda,
mamma ti canta e la missa ti sona;

trentatrìanni: curuna de spini;
tira, catina, cà veni Bomminu.
Bomminiellu, Bomminiellu
jancu, russu e troccaniellu;
'u mintimu supra l'ataru
tutti l'àngiuli a cantari,
a cantari ad una vuci:
"O Maria, quantu si duci
e si duci e 'nzuccarata,
ohi Madonna 'e da Mmaculata".

MARIA CARMELITANA

O sciroccu, ponente, o tramuntana tuttu lu munnu circondare ulia,
per trovare Maria Carmelitana, quiddhra ca iuta e ‘ssiste li cristiani.
Ene lu giurnu soa la settimana, lu mercutia nu lu ncammaramu,
sette Patarnosci, sette Ave Marie, e sette Gloria al Patri recitamu.

Ci nui cu veru core li ticimu, fumu te purgatoriu nu ne itimu,
ma ci pe sorte a ‘mpurgatoriu sciamu, ce grande diuzione ci ticimu.
Ticimu le diuzioni cu veru core, ne sibilisce Maria e ne caccia fore;
ora da madre di quellu Redentore, madre te Gesù Cristu onnipotente,
ca te le pene ne li caccia fore e ci ha murire nu more malamente.

Quantu su belle le grazie te Maria, è superatu lu munnu e na ne rimaste,
pe quante grazie è dispensate alla dia, è superatu lu munnu e na ne rimaste.

Maria carmelitana è datu dunu, a tutti l’abitinu ne dunatu,
ca l’abitinu a mie me pare magnu, nu spesa, nu fatia, ma c’è guadagnu.
Ca iou cu l’abitinu me ‘cumpagnu, ca possu caminare allu sicuru;
caminu monti, città e via, me ne libera te fratture e magia,
caminu monti, città e campi, me ne libera te trueni e dir lampi.

Filastrocca di S. Giuseppe
(cantata a S. Martino di Taurianova-Reggio Calabria) 

 
San Giuseppi lu vecchiarellu,
cu’ la nnocca e lu cappellu;
lu cappellu ‘nci volàu,
supra ‘na rosa si posàu;
si posàu pe’ meraviglia:
San Giuseppi cu’ so’ fìgliu!





Questa filastrocca fu raccolta da Domenico Caruso negli anni '50





TESTI CAMPANI

A sera
(detta a Galluccio - Caserta)

 
Mi corco ndà stù letto
la Madonna mi stà rimpetto,
io dormo essa veglia,
s'è caccosa mi risveglia.
A lietto a lietto iammo
quatt'angeli c'è truvammo,
due ra capo, due ra piedi
e Gesù Cristo alla mità.
Gesù Cristo che me resse,
che re paura non avesse.
A capo ru lietto mio,
c'è Signore Dio,
a piere a porta mia
c'è stà Santo Raimo e Santo Rocco.
Dio mi scanza la mala morte.
Mi coloco con Cristo
con quatto Angelisti
con Luca, con Marco e Matteo
con Santo Mattromeo,
con Santa Mariarita
mi faccio la croce
e Dio me benerice....
Amen

Questa poesia fu insegnata dalla mamma alla piccola Aquilina, che da diversi decenni abita in Canada

 

ASCUTATE BELLE GENTE
(detta a Galluccio - Caserta)

Ascutate belle gente, si ve pare re scutà.
Ru Verbo re Dio volemmo cantà,
Verbo re Dio e de nostro Signore,
misso ncroce pe noi peccatori.
La croce è aute è bella,
nu vraccio ncielo e nanto nterra.
La Croce se calava,
San Giuanni la iauzava, dove la portava?
Ncampo ri fiuri, ncampo ri fiuri
stette trentatrè anni ruro e ranno,
figliulella re Sant'Anna, chi ncontrava pella via?
Incontra Santo Giammattista,
con nu libbro rora mani,
eve leggenno e ricenno "Peccatori, peccatrici",
chi sà ru Verbo re Dio che su rice.
Chi ru sà e chi nun ru sà se lu cerca re mbarà,
co pene e co guai pure se ru fossero mparato.
Chi ru rice trè vote ru giorno
nun ha paure ru remonio.
Chi ru rice trè vote a notte
nun ha paure ra mala morte,
chi ru rice tre vote ncampo
na paure de truone e lamp.
Chi re rice trè vote mio
nun ha paure re male murì.
Chi ru rice e chi ru tenne
Gesù Criste ru refenne,
Ru Signore manna a Gloria ru Paraviso.
Amen.

Questa poesia, che veniva recitata 3 volte ogni volta che si recitava il VERBO DI DIO, fu insegnata dalla mamma alla piccola Aquilina.





TESTI EMILIANI

A Gesù Bambino
(detta a Sant'Annapelago, frazione di Pievepelago)

 
In casa mia, Gesù, lo sai,
chiacchiero sempre e non taccio mai.
Ma qui, davanti a tanta gente,
la lingua trema, sembra impotente.

Gesù, perdonami, se mi confondo:
è troppo poco che sono al mondo.
Spero, un altr'anno, dirti di più,
intanto aiutami, dolce Gesù!

Questa poesia fu insegnata nel 1956 alla piccola Maria, (che poi si trasferì in Canada, dove vive dal 1955), affinchè la recitasse davanti alla culla di Gesù Bambino nella chiesetta dedicata a Sant'Anna nel paese natìo.





TESTI MOLISANI

San Giuseppe
(detta a Montorio Nei Frentani - Campobasso)

San Giuseppe
(detta a Campodipietra - Campobasso)
San Giuseppe vecchierello
va a cavallo ad un'asinello.
L'asinello inciampò,
San Giuseppuccio s'inginocchiò.
S'inginocchiò sopra all'altare
e tutti gli angeli vi calarono,
vi calarono con lieto viso,
viva Maria che sta in Paradiso.
Il Paradiso è delicato,
viva Maria che è senza peccato.
Viva Maria, viva Gesù,
San Giuseppuccio aiutaci Tu.....

Questa filastrocca fu insegnata alla piccola Filomena (che poi si trasferì in Canada, dove vive dal 1956).

San Giuseppe vecchierello,
cosa porti nel cestello?
Erba fresca e fresche viole,
nidi d'uccelli e lieto sole,
e nel canduccio più piccino ,
c'è di neve un fiocchellino.
Un piattino di frittelle,
e poi tante cose belle...





Questa filastrocca fu insegnata al piccolo Carlo (che poi si trasferì in Canada) dalle suore dell'asilo.





TESTI PUGLIESI

Quannu passa Bbifania
(detta nella regione salentina)

Criasilla
(detta nella zona di Casarano)

Quannu passa Bbifania
tutte e feste porta via,
poi se ngira Santu Pati:
"E mie pé ci me lassati?".

Ne rispunne a Cannilora:
"Nci su ieu ncora!";
poi se ngira l'Acateddhra:
"Nci su ieu ca su a cchiu beddhra!".

Criasilla, criasilla,

conzu u pane e conzu a villa

ca sta bbene nostro Signore,

ca è chiamatu lu Redentore.

Santa Barbara...
(detta nella zona di Presicce)

 
Santa Barbara nu durmiri
cà du nuvoli vidu viniri,
una di acqua, una di viento.
Fai calmare stò maletiempo.

(Questa filastrocca fu insegnata dalla nonna
al nipotino Alessandro)

 

MARIA CARMELITANA
(detta nella zona di San Donaci )

O sciroccu, ponente, o tramuntana tuttu lu munnu circondare ulia,
per trovare Maria Carmelitana, quiddhra ca iuta e ‘ssiste li cristiani.
Ene lu giurnu soa la settimana, lu mercutia nu lu ncammaramu,
sette Patarnosci, sette Ave Marie, e sette Gloria al Patri recitamu.

Ci nui cu veru core li ticimu, fumu te purgatoriu nu ne itimu,
ma ci pe sorte a ‘mpurgatoriu sciamu, ce grande diuzione ci ticimu.
Ticimu le diuzioni cu veru core, ne sibilisce Maria e ne caccia fore;
ora da madre di quellu Redentore, madre te Gesù Cristu onnipotente,
ca te le pene ne li caccia fore e ci ha murire nu more malamente.

Quantu su belle le grazie te Maria, è superatu lu munnu e na ne rimaste,
pe quante grazie è dispensate alla dia, è superatu lu munnu e na ne rimaste.

Maria carmelitana è datu dunu, a tutti l’abitinu ne dunatu,
ca l’abitinu a mie me pare magnu, nu spesa, nu fatia, ma c’è guadagnu.
Ca iou cu l’abitinu me ‘cumpagnu, ca possu caminare allu sicuru;
caminu monti, città e via, me ne libera te fratture e magia,
caminu monti, città e campi, me ne libera te trueni e dir lampi.





TESTI SICILIANI

Ninna nanna di la notti di Natali

Maria Virgini annacannu
a Gesù ch' é figghiu sò,
ci dicìa accussì cantannu:
"Fai la ninna, fai la vo`,
beddra rosa, biancu gigghiu,
fai la vo`, Gesuzzu figghiu!

Chi ssu beddri sti masciddri,
ch' é amurusa sta vuccuzza,
chi ssu duci sti capiddri,
quantu é duci 'sta facciuzza!
Lu me cori pi tia spinna,
fai la vo`, fai la ninna.
Figghiu beddru e picciriddru,
di stu cori ardenti ciamma,
veramenti senti friddu;
veni, abbrazzati a la mamma.
Iu ti scrafu a lu me pettu,
fai la vo`, figghiu dilettu.

Quantu t`appiru a purtari
di rigali li pasturi,
tutti a tia li vogghiu dari
cu cchiù affettu e cu cchiù amuri.
Ora fatti un sunniceddru,
fai la vo`, Gesuzzu beddru".

Di stu lettu...
(detta prima dormire a Gela)

Di stu lettu mi ci durcu iu,
quattru santi ci metta Diu
dui alla testa dui alli peri
'nmenzu c'è 'u Signuri Diu.
Iddu mi dissi,
Iddu mi scrissi,
chi la cruci mi facissi:
<< Dormi e riposa
e nun pinsari a nudda cosa>>.
Sutta 'u cuscinu
c'è Sant'Agostinu,
sutta 'u linzolu,
c'è San Nicola,
'ddo gnuni gnuni
c'è 'u Signuri,
'nmenzu na strata
c'è a cruci vattiata.
Ora chi avemmu
sta cruci e semmu fidili
facemmini a cruci e vulemmu durmiri.
Haiu chiusu la ma porta
'ccu li chiavi di Maria
e 'ccu veni 'n casa mia
'unn'aviri nè forza e mancu valia.
Amen







(Questa poesiola fu insegnata dalla bisnonna al piccolo Gianni)

Santa Febbronia
(detta a Palagonia - Catania)

Luna lunedda...
(cantata a Gela)

Santa Febbronia di Papuli vinni

a li Costi s'intrattinni,

s'intrattinni 'nmmienzu a la via,

Santa Febbronia di Palaunia!

Luna lunedda,
facitimi 'na cuddiredda,
facitimilla bedda ranni
quandu 'a portu a San Giuanni,
e se nun la vò,
portitilla 'ncasa tò.
'Ncasa to c'è Maria
'ccu lu libru ca liggia
e liggia la Passioni
facemmu festa e cumunioni.





Questo canto popolore viene cantato durante il periodo pasquale.

A Madunnuzza
(detta a Termini Imerese)

Rota rutedda
(detta a Termini Imerese)

A Madunnuzza 'nta càmmira sidia
li robbi a San Giuseppi arripizzava
lapazzi vecchi e novi cci mittìa
e tantu beddi cci l'accummarava.
'U Bammineddu 'nta naca chiancìa
e l'anciulu Raffaeli l'annacava
du' paruleddi duci cci dicìa:
"Fatti la vo', Gesuzzu di Maria".
Rota rutedda
lu pani a fedda a fedda
la missa sunò
e l'ancilu calò
e calò a dinucchiuni.
Quantu è beddu lu Signuri!





TESTI VENETI

Maria...
(detta nella zona di Ponzano Veneto)

O Gesù Vicereo
(detta nella zona di Treviso)

Maria che se alsa la matina,
che se lava man e viso,
che se ricorda del Paradiso;
e in Paradiso ghe xe bona zente
e chi ghe va, ghe resta par sempre.
O Gesù Vicereo,
co' 'na fassa e un paneseo
par infassar Gesù Beo;
Gesù Beo, Gesù d'amor,
par infassar nostro Signor.
La musseta caminava,
la Madona se sentava,
San Giuseppe parava via
co' tuti i angeli in compagnia.

Questa filastrocca veniva detta dalla signora Irma Bonazza alla figlia Bertilla

  Madonna santa e ciara
(detta nella zona di Ponzano Veneto)

Madona santa e ciara,
imprestème la vostra scala
par andar in paradiso
e vedar il to bel viso,
se 'l xe vivo o se 'l xe morto.
La Madona in mezo a l'orto
la tol su garofolini
par portarli ai so bambini;
i bambini i va via sigando
la Madona sospirando
e il Signor in zenocion
el dise su 'sta bea orassion.

Ninna nanna
(detta nella zona di Sarmede)

Ninna nanna

Ninna nanna bel putin,
che la mamma l'e' andata al mulin.
El pupa' l'e' andat a segar
e la tata a restelar.
Ninna nanna bel putin
che te varda Gesu' Bambin.
O lampada, o lampadeta,
il bon Gesù in cuneta,
La Madona che lavava,
Sant'Isepo destirava.
Tasi, bambin, che late t'ò dà,
che pan no ghe n'ò.
Tasi, bambin, finchè vivarò.

Piove e soea
(detta nella zona di Maser)

Maria piccinina
(detta nella zona di Vicenza)

Piove e soea
a Madona se consoea,
se consoea in mezo al prà,
la Madona inzenocià.

Piove e soea
a Madona se consoea,
se consoea in tea ceseta
la Madona benedeta.
Maria piccinina
leveremo domattina
come el dire come el fare
savarem digiunare.
A narem nea cesetta
prender l'acqua benedetta
par lavarse man e viso
par andar in Paradiso.
In Paradiso è bella cosa
chi ghe va se riposa.
All'inferno ghe bruta xente
chi ghe va ghe sta par sempre.



Per la collaborazione ringraziamenti a: